Karate

Il Karate Do, secondo il Sensei Gichin Funakoshi, è la corretta interpretazione del Karate ed il suo giusto impiego; è il cammino per raggiungere il Satori o illuminazione (comprensione del significato oggettivo della vita) attraverso la pratica della difesa a mano nuda.Il karate è un’arte marziale, uno sport, che configurandosi come pratica e come disciplina, si può definire “a misura di bambino”. Il Karate insegna innanzitutto il rispetto reciproco e l’autocontrollo. A un bambino dal carattere chiuso, oppure competitivo ed egocentrico, il Karate insegna il senso di lealtà e la disciplina, lo abitua al controllo del proprio corpo e dei movimenti. Un bambino esuberante, iperattivo, imparerà che nel Karate è importante una grande capacità di concentrazione, ma anche buoni riflessi e rapidità di movimento. Essendo praticato in gruppo, ma allo stesso tempo da soli, il Karate-do stimola la formazione nella personalità del praticante delle istanze di capacità di relazione e di autonomia. La competizione diretta con l’avversario aiuterà la maturazione, globale e di alcune variabili specifiche, ad esempio la percezione corporea. Dai 7 agli 11 anni